McKinsey&Company

McKinsey.com

Cina leader online entro fine 2015

La Repubblica Popolare supererà gli USA con oltre 370 miliardi di dollari di acquisti sul web in tutti i settori merceologici.

30/03/2012
Monica D'Ascenzo
Il Sole 24 Ore
Cina leader online entro fine 2015 Ruoyun Wang preferisce Sina Weibo a Twitter. D'altra parte il 90% dei suoi amici ha un account sul social network di microblogging cinese, che a fine 2011 ha superato i 250 milioni di utenti. E proprio su Sina Weibo (Xinlàng Weibó), nato solo nel 2009, hanno cominciato a debuttare anche le griffe internazionali come Louis Vuitton e Gucci, che in breve hanno raggiunto rispettivamente i 150mila e gli 80mila follower. Ma le nuove generazioni si confrontano anche su Dòubàn e YouQ, gli equivalenti di Facebook e Youtube, vere e proprie piattaforme di comunicazione a 360 gradi dove trovano spazio anche gli appassionati di moda e lusso che si confrontano, lanciano trend nuovi e si scambiano informazioni. Il 63% dei consumatori cinesi ha cercato informazioni su internet prima di concludere il proprio acquisto in negozio, secondo uno studio McKinsey & Company.

Il web non è solo fonte di informazione, ma anche vero e proprio strumento per gli acquisti. E lo dimostrano i dati dello scorso anno: nel 2011 lo shopping online dei beni di lusso ha superato i 10 miliardi di yuan (1,6 miliardi di dollari), secondo un report di iResearch. Un exploit inatteso: l'incremento è stato del 68% rispetto al 2010, mentre il tasso di crescita medio annuo stimato fino al 2015 è del 30% e porterà il mercato online del lusso a superare i 6 miliardi di dollari su un industria che varrà complessivamente oltre 370 miliardi di dollari contro i 326 miliardi stimati per gli Usa. I margini di sviluppo restano ancora ampissimi, se si considera che attualmente i beni di lusso contano solo per l'1,41% degli acquisti sul web e al 2015 dovrebbero raggiungere l'8%.

Ma chi acquista online? Giovani, che abitano nelle maggiori città del Paese, che spesso hanno studiato all'estero e hanno dunque una maggiore conoscenza dei brand, più sofisticati negli acquisti. Proprio come Ruoyun Wang, che da Shanghai è andata a studiare negli States e ha come passione dichiarata per i bei vestiti. «Nell'evoluzione dell'identikit del consumatore tipo per i beni di lusso in Cina ci aspettiamo che i giovani tra i 18 e i 35 anni arrivino a coprire il 50% degli acquisti» spiega Marco Francesco Mazzù, partner di McKinsey. «In particolare crescerà il numero di fashion fanatics, vale a dire di giovani che per comprare beni di lusso spendono oltre il 40% del proprio stipendio e che sono molto attivi sui social network, diventando dei veri e propri trendsetter».

Anche perché in Cina il passaparola sul web viene usato molto più che in altri Paesi. Dalla ricerca McKinsey emerge che prima dell'acquisto i cinesi consultano nel 53% dei casi i fashion blog (contro il 27% di americani e italiani) e nel 33% dei casi Xiaonei (contro il 26% degli americani e il 20% degli italiani che fanno ricerche su Facebook). Al primo posto come riferimento, comunque, restano i siti dei singoli brand.

Contributi affini

01/03/2014 - In need of a retail turnaround? How to know and what to do

More than 50 retailers in Europe, the Middle East, and Africa have been in distress[...]
Peter Breuer, Thierry Elmalem, Chris Wigley[...]
McKinsey & Company

01/03/2014 - The three Cs of customer satisfaction: Consistency, consistency, consistency

It may not seem sexy, but consistency is the secret ingredient to making customers[...]
Alfonso Pulido, Dorian Stone, John Strevel[...]
McKinsey & Company

24/12/2013 - Il «lusso» si compra con il tablet

Indagine McKinsey-Altagamma. Le vendite online hanno raggiunto i nove miliardi. Ad[...]
-
Corriere della Sera

Esempio di progetto

Corrado, Director
Paolo
Partner
Marco, Associate Principal
Davide, Engagement Manager
Francesca, Engagement Manager
Antonio, Associate
Andrea, Business Analyst
Federico, Business Analyst
Irene, Business Analyst
Lucia, Business Analyst
Raffaele
Engagement Manager