McKinsey&Company

McKinsey.com

Grandi metropoli e ricchezza - Milano fuori dal vertice nel 2025

Lo studio del McKinsey Global Institute - Adesso è tredicesima. «Il centro di gravità si sposta a Est».

09/07/2012
Danilo Taino
Corriere della Sera
Grandi metropoli e ricchezza - Milano fuori dal vertice nel 2025

Forse non dovremmo avere troppa paura del futuro. Sarà complicato, ma potrebbe sorprenderci in positivo. Un ampio e approfondito studio del McKinsey Global Institute ha colto una tendenza che conferma sì i cambiamenti destabilizzanti in corso sul pianeta, ma indica che probabilmente saranno per il meglio.

 

Si tratta dell'urbanizzazione, un fenomeno che è stato la chiave dello sviluppo in passato e che oggi sta avvenendo a una velocità nemmeno immaginata prima. Ciò sposta il peso dell'economia globale verso i Paesi emergenti e verso Est, ma non indica un declino assoluto dell'Occidente. In più, presenta opportunità senza precedenti.

 

Iniziamo dall'Italia. McKinsey ha da tempo costruito un database, Mgi Cityscope, che analizza più di 2.600 città nel mondo e sulla base di questo effettua previsioni demografiche, economiche, sociali. Fondamentalmente, lo studio appena pubblicato prevede che tra oggi e il 2025 il Prodotto lordo (Pil) delle prime 600 città del pianeta cresca di 30 mila miliardi di dollari (del 65 per cento), e che 23 mila di questi vengano dalle 440 città emergenti, cioè non dei Paesi ricchi. In questo quadro, Milano (compreso l'hinterland allargato, cioè otto milioni di persone) è l'unica metropoli italiana a comparire nella classifica generale delle 600, compilata sulla base di criteri come Pil, popolazione, reddito dei nuclei famigliari, giovani sotto i 15 anni.

 

In particolare, Milano è la tredicesima città del mondo per Pil (382 miliardi di dollari), non compare tra le prime 25 nelle classifiche disaggregate che riguardano la popolazione e il numero di giovani, è quattordicesima per numero di nuclei famigliari con un reddito superiore ai 20 mila dollari l'anno.

Bene, il bicchiere mezzo vuoto sta nel fatto che nel 2025 Milano non sarà più nella lista generale delle prime 25 città del pianeta: nessuna presenza italiana. Tra 13 anni, la metropoli lombarda comparirà solo nella classifica delle famiglie ad alto reddito, al posto numero 24. Se si guarda alla sola Europa, Milano è quinta per Pil e quarta per reddito famigliare tra le città sopra i 70 mila dollari annui (dietro a Londra, Parigi e Mosca). Roma è tredicesima per ambedue i criteri. Nel 2025, sia Milano sia Roma avranno perso alcune posizioni ma resteranno ben dentro la classifica delle prime 25 europee.

 

L'unico dato davvero negativo per l'Italia è la quota di pensionati in città come Trieste (prima in Europa oggi e nel 2025), Genova, Livorno, Ravenna. Ma per il resto vivremo un declino ma solo relativo, nel senso che altre parti del mondo stanno emergendo con prepotenza ma né le città europee né quelle italiane subiranno crolli. (...)

 

Contributi affini

01/12/2013 - Reverse the curse: Maximizing the potential of resource-driven economies

In 20 years, almost half of the world’s countries could depend on their resource[...]
Richard Dobbs, Jeremy Oppenheim, Adam Kendall,[...]
McKinsey Global Institute

28/08/2012 - Solo Milano nel rapporto McKinsey. Ma anche Roma perderà posizioni

Torino scivola nella classifica della città più ricche. Si salveranno solo i giovani[...]

Il Giornale

01/06/2010 - Improving lives in Africa

A third package of articles by McKinsey consultants and outside experts on the future[...]
McKinsey & Company
McKinsey Quarterly

Esempio di progetto

Guido
Director
Alfonso, Partner
Silvia, Associate Principal
Cesar, Associate
Yuval, Business Analyst

Esempio di progetto

Vittorio, Director
Clara-Christina, Director
Tim, Director
Iacopo, Partner
Patrick, Partner
Andrea, Engagement Manager
Carsten, Engagement Manager
Marco, Engagement Manager
Michele, Associate
Paolo, Business Analyst
Valentina, Business Analyst

Esempio di progetto

Corrado, Director
Paolo
Partner
Marco, Associate Principal
Davide, Engagement Manager
Francesca, Engagement Manager
Antonio, Associate
Andrea, Business Analyst
Federico, Business Analyst
Irene, Business Analyst
Lucia, Business Analyst
Raffaele
Engagement Manager