Idee

Rivoluzione circular economy

Condividi via Mail
MF fashion

Martina Ferraro

«A livello globale il mercato del reselling vale oggi circa 25 miliardi», ha spiegato a MFF Antonio Achille, head of luxury di McKinsey. La filiera del tessile si sta muovendo per garantire la tracciabilità dei capi. L'Italia è tra i Paesi più avanzati.

Il futuro della moda è la circular economy. Una nuova economia del settore tessile che pone le sue fondamenta sulla progettazione innovativa dei materiali e dei prodotti. E soprattutto su una massimizzazione del riutilizzo e del riciclo. Un modus operandi, quello sostenibile e attento al pianeta, abbracciato prima dalle realtà del fast fashion e in seguito anche dai grandi gruppi del lusso. Un sistema di questo tipo potrebbe produrre risultati economici, ambientali e sociali sensibilmente migliori per l'industria dell'abbigliamento. «A livello globale il mercato del reselling vale intorno ai 25 miliardi di euro», ha spiegato a MFF Antonio Achille, senior partner and global head of luxury di McKinsey. (..)