Idee

Tecnologie cognitive: impatti e orizzonti di trasformazione

Condividi via Mail
ZeroUno

Patrizia Fabbri

Le tecnologie cognitive stanno rapidamente evolvendo a livelli tali che si moltiplicano ormai i casi di applicazione nell'analisi dei dati e nell'automazione e robotica, con impatti positivi sul business. Ma quali sono gli ambiti industriali e per quali problemi di business si possono utilizzare? Qual è la ripercussione dell'adozione di queste tecnologie nell'organizzazione aziendale?

"Quando si parla di intelligenza artificiale o di cognitive learning si pensa spesso a un lontano futuro; in realtà abbiamo già numerosi esempi di come l'introduzione di queste tecnologie nel core business aziendale abbia portato impatti positivi", afferma Marco Guida, Associate Partner McKinsey Analytics, intervistato da ZeroUno insieme ad Andrea Peyracchia, Partner Digital McKinsey, dell'autorevole società di consulenza McKinsey & Company.
"L'esperienza che abbiamo raccolto in questi ultimi anni di consulenza ci insegna che non si tratta di settori o segmenti particolari bensì di casi d'uso: esistono determinate tipologie di attività automatizzabili; problemi molto ben risolvibili con il machine learning; particolari tipologie di business che si prestano a essere predittibili con tecnologie cognitive", gli fa eco Peyracchia. "Anche in settori molto diversi - prosegue quest'ultimo - ci sono tratti comuni. Quello più evidente è l'utilizzo di queste tecnologie in un ambiente conosciuto, è in questi casi che si hanno un funzionamento e un risultato ottimali".  (..)