Luca

Partner

"Il team McKinsey è un piccolo nucleo di persone che dev’essere gestito alla perfezione, come un’orchestra in cui i ruoli e le attività sono definiti e organizzati con la massima precisione."

Formazione

Laurea in Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano

MBA, INSEAD di Fontainebleau e Singapore

Hai assistito i nostri clienti in tanti progetti. Qual è il contributo di McKinsey che i clienti apprezzano maggiormente?

I clienti si rivolgono a McKinsey quando devono affrontare problemi estremamente complessi e articolati, anche di natura straordinaria, che hanno una rilevanza significativa per il vertice dell’azienda. Il contributo che dà McKinsey è quello di un advisor indipendente, con esperienza internazionale, che ha affrontato temi analoghi a quelli del cliente in diverse realtà, comprendendo i benefici di certe soluzioni e le possibili criticità nella loro applicazione.

Quali competenze si sviluppano lavorando in McKinsey?

In McKinsey si impara ad affrontare i problemi con rigore logico, non soffermandosi soltanto sugli aspetti che a prima vista possono apparire più rilevanti, ma scomponendo ogni argomento nei suoi elementi fondamentali, in modo analitico.
Un altro insegnamento importante è focalizzarsi sull’impatto. In McKinsey ci poniamo sempre l’obiettivo di ricercare le migliori soluzioni possibili, quelle capaci di creare un impatto duraturo sulle performance del cliente.

Un’altra caratteristica del metodo di lavoro in McKinsey è il teamwork. Come funziona un team?

Il team McKinsey è un piccolo nucleo di persone che dev’essere gestito alla perfezione, come un’orchestra in cui i ruoli e le attività sono definiti e organizzati con la massima precisione. Il lavoro in team è una vera e propria scuola, in cui si impara a delegare e a fidarsi delle persone. È anche un’occasione continua di coaching e uno strumento straordinario per completarsi a vicenda.